L'amore fa male

You are here: Home - Articoli - maggio 2018


Monthly Archives: maggio 2018

Recensione del film “Blackhat”

Affitti di “Blackhat” Michael Mann Thriller per il confronto di cyberpunk con Chris Hemsworth nel titolo dovere.

Il cuore non è un cyberpunk

Il cuore non è un cyberpunk

A Hong Kong, con l’aiuto di abilmente software scritto codice deteriorate reattore nucleare. Mentre l’intelligenza imprese determinare come esso si è verificato, lo stesso approccio Jack il costo della soia sul mercato azionario, in Chicago.

Chen, uno dei Cinesi di sicurezza e le forze di sicurezza, scopre che uno sconosciuto cyberpunk utilizzato un pezzo di codice, non appena il composto come un gioco con un compagno di classe al Massachusetts College Soprannome Hateem. Il problema è che dopo aver studiato il modo in cui i compagni entrarono altre indicazioni e attualmente Nick è dotato di un carcere. E anche per aiutare consisteva nel gioco FBI, ha concorre solo in cambio di un completo sollievo dal pagamento se catturato il bug. Il concetto di “Blackhat” ha mostrato in Regista Michael Mann dopo aver scoperto Stuxnet – il sistema di computer di codice che ha colpito il programma nucleare Iraniano.

Mann ha visto in questa storia la storia per il miglior Thriller dell’età elettronica, immerso in studio di ricerca, nonché eccelso, tanto che l’programmi per esperti nel campo della mostra, l’immagine è stata un successo clamoroso. Purtroppo, l’esatto stesso non può essere affermato per quanto riguarda gli altri spettatori. “Blackhat”, attualmente oggetto di contesa a festa, il rimprovero noioso, prevedibile script, e anche il Generale banalità di drammatizzazione.

Il governo federale ha finito per essere molto più difficile di esistere per noi

Il governo federale ha finito per essere molto più difficile di esistere per noiChe il Supervisore ha passione psicologico elementi della sua personalità, Mann addebitato è di quindici anni: un brillante “Battaglia” sembra che egli abbia effettivamente compreso pienamente le loro ambizioni in merito allo studio della personalità. Attualmente in ogni intervista ha insistentemente segnalato che la professionalità è essenziale per lui, esplosioni emotive, e l’obiettivo di ogni suo film-in cui il visitatore si sentiva come un partecipante (o il partner) occasioni. Strutturalmente, “Blackhat”, come pure vero duplicati interattivo di destinazione, o produzioni operistiche. La vernice inizia con una lunga Ouverture-attività di virus sul chip. In questo strano frame, che ricorda la vecchia kiberpank motion picture, la chiave per riconoscere il concetto di “Blackhat”.

Da un lato, l’autorità di vigilanza richiede il visualizzatore di sperimentare il mondo, per affrontare il quale in verità la media del collettore di visitatore del sito, molto probabilmente, non in via di estinzione. In altro-il movimento nella storia dell’eroe di Hemsworth sulla traiettoria corrisponde al rendimento di un complesso infezione come Stuxnet ha ispirato il Supervisore. Pensa velocemente, trasforma le circostanze praticamente impercettibile, sa specificamente dove regolare, dove premere e anche dove eseguire. Le autorità Iraniane, ricordiamo, sono stati in grado di rilevare programma distruttivo appena otto mesi dopo il lancio, quando le ripercussioni della sua applicazione il sistema è stato già irreversibile.

Una parola sui personaggi

Una parola sui personaggiCon caratteri sono inoltre fine, semplicemente Manna loro marchio in pochi tocchi che non si può vedere dietro le auto e camion va dopo così come sparatorie. “Blackhat” come altri Mann film degli ultimi dieci anni (per esempio, il precedente “johnny D”) è un film in cui uno non deve anticipare impatto immediato. Vernice chiama per il visualizzatore di grave tensione, e totalmente apprezzare la maestosità sviluppato dall’autore del quadro, probabilmente, solo dopo pochi colpi.

Tuttavia, dopo che ognuno di loro si può lasciare lo spazio con un forte senso di distinte esperienze in periodo di inflazione kinemati non è così poco. “Blackhat” è il primo in sei anni, Michael Mann film è probabilmente uno dei più astratto e ruvida lavoro dello scrittore, artigianale Thriller che parla di hacker contro i cyber-terroristi. Questo film sembra antipatia per ogni piccola cosa, ma allo stesso tempo lavora come prova vivente che il 71-anno-vecchio regista ancora affascina il mondo esterno, così come solo ciò che egli fa. 2 attacchi di hacking che sono passati più di ogni vari altri, viene richiesto l’esplosione di una centrale nucleare in Caivano straordinaria crescita di soia prezzi sul Chicago Mercantile exchange.